La vita non è una cosa meravigliosa? Voglio iniziare in questo modo, perché mi sento una persona molto fortunata.

Vi scrivo da un posto meraviglioso e tranquillo. Sono sul Mar Morto, in Israele, con vista sulle montagne della Giordania. Qui tutto è silenzioso e tranquillo ed è sotto l'incantesimo di questa sensazione che vorrei raccontarvi di più sulla mia avventura. Voglio raccontarvi come un paziente con patologie renali possa avere una vita appagante.

Ho ricordi molto chiari del giorno in cui ho iniziato la dialisi. Era il 19 aprile 2017. Sono andato in sala operatoria per farmi mettere un catetere e, subito dopo, ho iniziato la dialisi. È stato un trattamento di tre ore. All'epoca non ne parlavo molto, perché ero in fase di rifiuto. Non era facile da accettare e ricordo di aver chiamato amici e parenti per vedere se qualcuno aveva un gruppo sanguigno compatibile con il mio. Non si è materializzato nessun donatore adatto.

Dieci giorni dopo è nato mio figlio Guilherme. Il più grande amore della mia vita era lì, tra le mie braccia, pesava poco più di 3 kg. Ricordo di aver pensato: Ora, io scelgo di vivere per te.

Quelli sono stati i dieci giorni che mi servivano per capire quello che dovevo capire: Tutto. Come tutto ha funzionato bene. E ho iniziato a interessarmi alla malattia e al processo di dialisi stesso. Quello è stato il momento in cui ho deciso che la malattia non sarebbe stata più forte di me, ed è per questo che voglio condividere con voi i quattro passi che ho fatto per arrivare dove sono oggi: sono più felice che mai, e sto vivendo il sogno della mia vita.

Primo passo - Eliminare gli atteggiamenti che non vanno bene per noi
Il mio referto medico dichiarava che avevo un'incapacità del 71,4%. Il mio corpo era così stanco dopo i trattamenti che passavo il giorno dopo a dormire o a riposare. Mi sono ritrovato a guardarmi allo specchio e ad essere dispiaciuto per me stesso. Avevo solo 28 anni e mi aspettavo un futuro in cui non avrei mai più lavorato, passando tutto il mio tempo attaccato a una macchina.

Il nostro primo pensiero è spesso: Come mi vedranno gli altri adesso? Queste sono le parole che il nostro cervello elabora e che ci fanno lamentare di tutto con tutti quelli che ci circondano. Queste sono le parole che, in un attimo, ci fanno credere che nessuno ci amerà mai. In quel momento, perdiamo la presa sul vero valore che abbiamo. È qui che sento che si svolge la prima battaglia: eliminare gli atteggiamenti che non ci fanno bene. Cominciare a capire la malattia e la cura è stato molto importante per me, per digerire mentalmente il fatto che questo processo, la cura, è ciò che mi ha permesso di restare vivo.

Possiamo essere veramente felici solo quando capiamo che la dialisi non è un male. Al contrario, siamo fortunati che questi trattamenti esistano, che ci permettano di continuare la nostra vita con coloro che amiamo e di continuare a fare le cose che ci piacciono. Una volta che ce ne siamo resi conto, possiamo fare il passo successivo. Ora sono più grato per tutte le cose belle della mia vita e ho smesso di perdere tempo a lamentarmi e piagnucolare.

Secondo passo - Riconoscere le nostre capacità
In cosa sono bravo? Cosa mi piace davvero fare? Avevo aperto un'azienda turistica nel febbraio 2017 e, per la prima volta nella mia vita, avevo iniziato a lavorare in proprio. Non è mai stato qualcosa che avessi pianificato, ma solo qualcosa che è successo. Avevo investito molto denaro per perseguire qualcosa che mi piaceva fare davvero.

“Ma se sono stanco dopo ogni trattamento di dialisi, sarò in grado di lavorare?” Le paure per il futuro mi hanno indotto a richiedere molto a me stesso. Chiedevo più di quanto mi fosse possibile fare. Devo dirvelo: Ho vissuto in uno stato di costante insoddisfazione perché non ero in grado di raggiungere gli obiettivi che mi ero prefissato. Non è stato un processo facile, ma ho iniziato a capire che il modo più semplice per andare avanti sarebbe stato quello di fissare obiettivi chiari e raggiungibili.

Per prima cosa, ho cercato di capire quali fossero le mie qualità, come professionista. Poi, accettai che sarebbero arrivati i giorni in cui sarei stato frustrato. Ho imparato ad abbassare le mie aspettative quando ho capito, in anticipo, che sarebbe stato più difficile per me raggiungere i miei obiettivi. Da quel momento in poi, tutto è cambiato. Ho deciso che i giorni in cui avrei fatto la dialisi sarebbero stati i miei giorni di riposo, e che i giorni senza trattamento sarebbero stati i miei giorni "migliori", e avrei dovuto lavorare il doppio per compensare i giorni di riposo "persi". Questo mi ha fatto sentire ricaricato di energia. Sono andato a lavorare con uno scopo, avvicinando i miei potenziali clienti con uno spirito rinvigorito. Il risultato: le vendite sono salite alle stelle. Gli obiettivi che mi ero prefissato per il successo della mia azienda hanno cominciato a realizzarsi e tutto è andato molto meglio.

Permettere a noi stessi di adattarci alla realtà è estremamente importante, per poter vivere una vita in cui siamo sereni e capaci di affrontare qualsiasi cosa ci capiti.

Terzo passo - Rimanere concentrati sul presente
Molti di noi pianificano il futuro. Questo è normale e ragionevole. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che le nostre vite stanno accadendo ora. Dovremmo guardare ai piani che abbiamo stabilito, con occhi nuovi, per non cadere nella trappola del fallimento. Questo può condurci, ancora una volta, al rifiuto. Rimanere concentrati sul presente fa sì che ogni secondo di ogni giorno sia importante e così evitiamo di sprecare ore (e giorni) infastiditi con noi stessi e con chi ci circonda. Se rimaniamo concentrati sul presente, e ricordiamo che la vita sta accadendo ora, assaporeremo ogni vittoria quando raggiungeremo un obiettivo che ci eravamo prefissati. Di conseguenza, ci sentiremo più felici. Pensare "sono bravo in quello che faccio" dà un senso di benessere e di amore, anche nelle azioni più semplici della nostra vita quotidiana.

Quarto passo - Accettare se stessi, fallire, imparare dai propri errori ed essere sempre grati
L'auto-accettazione ci permette di vedere come possiamo ricominciare da capo. Ecco cos'è la dialisi: un nuovo inizio. La vita deve essere modificata per includere ciò che ci permette di continuare a vivere. Sbarazzarsi del senso di inferiorità che deriva dal confronto con persone che non devono affrontare le nostre stesse situazioni e non devono "passare del tempo attaccati a una macchina" è un passo avanti per trattarci meglio. Ciò può avere un impatto enorme - sia sul lavoro, con la nostra famiglia o in situazioni quotidiane come guidare l'auto nel traffico intenso. Dal momento che il tempo per il trattamento occupa una parte del nostro tempo libero, dobbiamo afferrare il tempo in cui non siamo in trattamento e vivere al 200% di intensità!

Vivere significa commettere errori, ma anche migliorare attraverso di essi. Tutti noi dovremmo sfruttare al massimo i nostri limiti, per diventare persone migliori e per ispirare altre persone dando l'esempio. Questo è meglio che pensare che abbiamo il diritto di lamentarci di tutto ciò che ci circonda, solo perché potremmo sentire di valere meno degli altri. Non è così!

Essere grati è la migliore sensazione che si possa provare. Per le cose semplici, così come per le cose che sono state difficili da ottenere e che ci hanno richiesto di combattere. Essendo riconoscenti, diciamo a noi stessi: Sono un vincitore e questa malattia non sarà la protagonista della mia vita.

Ecco come mi sento ora: Sono un vincitore. Vuoi essere anche tu un vincitore?

Latest news

TGS

TGS

Dipendenti

Evento di formazione con i Caposala

Dipendenti

Intervista a Daniele Fioramonti